Tanzania quando andare
Quando andare

Tanzania: Quando andare per vivere l’avventura perfetta

La Tanzania è un paese affascinante situato sulla costa orientale dell’Africa e offre una varietà di paesaggi mozzafiato, da spiagge paradisiache a savane infinite e montagne maestose. Decidere quando andare in Tanzania dipende principalmente dal tipo di esperienza che si desidera vivere, considerando anche il clima e le temperature.

La stagione secca, che va da giugno a ottobre, è generalmente considerata il periodo migliore per visitare la Tanzania. Durante questi mesi, le piogge sono scarse e il cielo è generalmente sereno, il che rende più facile avvistare gli animali durante i safari. Inoltre, le temperature sono più miti, con medie di 20-25°C (68-77°F) nelle regioni montuose e di 25-30°C (77-86°F) sulla costa.

Tuttavia, se si desidera sperimentare la grande migrazione degli gnu nel Serengeti, le migliori date per visitare la Tanzania sono tra dicembre e marzo. Durante questo periodo, gli animali si spostano verso le pianure del Serengeti in cerca di acqua e cibo, rendendo gli avvistamenti ancora più spettacolari. Tuttavia, è importante notare che questa è anche la stagione delle piogge, quindi ci si può aspettare qualche rovescio di breve durata.

Per raggiungere la Tanzania, il modo più comodo e veloce è volare. L’Aeroporto Internazionale Julius Nyerere (DAR) a Dar es Salaam e l’Aeroporto Internazionale del Kilimangiaro (JRO) a Arusha sono i principali aeroporti di arrivo per i visitatori internazionali. Le compagnie aeree di bandiera come Air Tanzania, Kenya Airways e Ethiopian Airlines offrono voli diretti per la Tanzania da diverse destinazioni in tutto il mondo.

Una volta atterrati in Tanzania, ci sono diverse opzioni di trasporto per spostarsi all’interno del paese. Gli spostamenti in aereo sono molto comodi e veloci quando si deve coprire grandi distanze, ad esempio tra Dar es Salaam e Zanzibar o tra Arusha e la Riserva di Serengeti. In alternativa, è possibile utilizzare i servizi di autobus o minibus che collegano le principali città e i parchi nazionali. Tuttavia, bisogna considerare che il trasporto su strada può essere lento a causa delle condizioni delle strade e del traffico.

In conclusione, la Tanzania è una destinazione che può essere visitata tutto l’anno, ma il periodo migliore dipende dalle preferenze personali e dalle esperienze desiderate. La stagione secca offre condizioni climatiche più stabili e migliori possibilità di avvistare la fauna selvatica, mentre la stagione delle piogge può offrire spettacolari avvistamenti della migrazione degli gnu. Indipendentemente dalla stagione scelta, volare è il modo più veloce e comodo per raggiungere la Tanzania, mentre in loco ci sono diverse opzioni di trasporto per spostarsi all’interno del paese.

Tanzania quando andare: le migliori cose da vedere

La Tanzania offre una vasta gamma di attrazioni e paesaggi mozzafiato, che la rendono una meta ideale per gli amanti della natura e degli animali selvatici. Per godere appieno di tutto ciò che il paese ha da offrire, è importante pianificare attentamente il proprio itinerario in base alla stagione migliore per visitare le diverse destinazioni.

Un itinerario raccomandato potrebbe iniziare a Dar es Salaam, la capitale economica della Tanzania. Qui si possono visitare le spiagge incantevoli di Coco Beach e Mbudya Island, ideali per rilassarsi e godersi il sole.

Successivamente, si può volare verso Zanzibar, l’isola delle spezie, famosa per le sue spiagge da sogno e la sua cultura affascinante. È possibile visitare Stone Town, il centro storico di Zanzibar City, e ammirare l’architettura araba e swahili. Le spiagge di Nungwi e Paje sono tra le più popolari dell’isola, dove è possibile praticare snorkeling, immersioni subacquee e godersi il mare cristallino.

Dopo Zanzibar, si può dirigere verso il nord-ovest del paese per visitare il Parco Nazionale del Serengeti, uno dei parchi più famosi al mondo per la sua fauna selvatica e la grande migrazione degli gnu. La migrazione avviene tra dicembre e marzo, quando gli animali si spostano verso la regione del Serengeti in cerca di acqua e cibo. Durante questo periodo, è possibile assistere a spettacolari avvistamenti di migliaia di gnu che attraversano le pianure.

Successivamente, si può visitare il Cratere di Ngorongoro, un’antica caldera vulcanica che ospita una grande varietà di animali selvatici, tra cui elefanti, leoni, rinoceronti e ippopotami. Il cratere è un vero e proprio paradiso per gli amanti della fauna selvatica, con una densità di animali incredibile.

Infine, si può concludere l’itinerario salendo sul Monte Kilimangiaro, la montagna più alta dell’Africa. Scalare il Kilimangiaro è un’esperienza unica e avventurosa, che richiede una buona preparazione fisica e logistica. La stagione migliore per scalare il Kilimangiaro è durante la stagione secca, da giugno a ottobre, quando le condizioni climatiche sono più favorevoli.

In conclusione, la Tanzania offre una varietà di attrazioni che possono essere visitate tutto l’anno. Seguendo un itinerario che include Dar es Salaam, Zanzibar, il Serengeti, il Cratere di Ngorongoro e il Kilimangiaro, è possibile sperimentare la bellezza naturale e la fauna selvatica unica del paese. È importante pianificare in base alla stagione migliore per visitare ogni destinazione, al fine di massimizzare l’esperienza e godere appieno di tutto ciò che la Tanzania ha da offrire.

Consigli utili e informazioni

Prima di partire per la Tanzania, ci sono alcuni consigli utili da seguire per garantire un viaggio sicuro e senza intoppi. Innanzitutto, è importante controllare i requisiti di visto e di salute per l’ingresso nel paese. La maggior parte dei visitatori ha bisogno di un visto turistico, che può essere richiesto online o presso l’ambasciata o il consolato della Tanzania nel proprio paese di origine. Inoltre, è consigliabile consultare un medico o un centro di medicina del viaggiatore per informarsi sulle vaccinazioni e le precauzioni da prendere prima di partire.

Quando si tratta di cosa mettere in valigia per un viaggio in Tanzania, è importante prepararsi per il clima e le attività previste. Durante la stagione secca, da giugno a ottobre, si consiglia di portare abbigliamento leggero ma coprente, come pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe per proteggersi dal sole e dagli insetti. È anche importante portare un cappello, occhiali da sole e crema solare ad alta protezione. Per le escursioni nei parchi nazionali e per le attività all’aperto, è consigliabile portare scarpe da trekking comode e resistenti, una giacca leggera impermeabile e un binocolo per gli avvistamenti della fauna selvatica.

Durante la stagione delle piogge, da novembre a maggio, è consigliabile portare anche un ombrello o un impermeabile, in quanto possono verificarsi rovesci improvvisi. Si consiglia inoltre di portare indumenti leggeri e traspiranti, come cotone o lino, che si asciughino rapidamente. È consigliabile anche portare un paio di scarpe da trekking impermeabili o stivali di gomma, in quanto i sentieri possono diventare fangosi e scivolosi durante le piogge.

Altri oggetti utili da mettere in valigia includono una torcia elettrica, adattatori per le prese elettriche, repellente per insetti, farmaci personali e un kit di pronto soccorso di base. È consigliabile portare anche una copia dei documenti di viaggio, come il passaporto, il visto e le prenotazioni alberghiere, da tenere separatamente dagli originali.

In conclusione, prima di partire per la Tanzania è importante controllare i requisiti di visto e di salute, consultare un medico per le vaccinazioni e prepararsi per il clima e le attività previste. Mettendo in valigia abbigliamento adeguato, accessori utili e documenti importanti, si sarà pronti per godersi appieno tutto ciò che la Tanzania ha da offrire.

Potrebbe piacerti...